venerdì 24 febbraio 2017

OGGI E' COSI'

Ci sono giorni che hai l'ispirazione di scrivere, ogni spunto è buono per collezionare articoli su articoli, dipingere la storia della Vita, così nuda e cruda, raccontando le varie sfaccettature, manifestando emozioni e sentimenti che si annidano dietro ogni evento.
Altri invece, dove hai voglia di stare in silenzio, ascoltare il rumore del vento, guardare il vuoto che hai dentro, camminare contando fino a cento, o semplicemente vuoi stare spento.
Sto parlando di Stati d'Animo, una sfera così vasta che Freud l'ha studiata per una vita senza trarre grandi conclusioni. 
Difficile argomentare una discussione che non sfocia da nessuna parte, molto più semplice divagare e raccontare le proprie emozioni che variano e mutano come le previsioni del meteo.
Oggi è così, una linea piatta che ti attraversa il cuore come la spada di Damocle, una metafora che rappresenta l'insicurezza verso qualcosa che forse è più grande di te, quella stessa insicurezza che hai dentro come conseguenza di un paese che non ha grandi valori come riconoscenza e rispetto, dove la meritocrazia non esiste e dove tu diventi un semplice ingranaggio di un sistema che fa funzionare la macchina dei ricchi.
Oggi è così, dove ti vedi l'unico spettatore di una partita che meriterebbe di avere il tutto esaurito e che invece ha un solo pagante. Come vivere da soli in un'isola deserta, lontano da decisioni folli della politica, libero dalla schiavitù del lavoro così com'è stato pensato, distante dalla cattiveria dell'essere umano.
Oggi è così, come un ritornello di una canzone che ha il record di incassi, dove il testo parla di un ragazzo che è pieno di dubbi, perplessità, disilluso dal prossimo, tradito da se stesso e dalle sue scelte immature. 
Oggi è così, come un treno fermo ad un semaforo, aspettando che qualcuno ti dia il via, dove ogni fermata è sempre la stessa, in un percorso dove tutto ha un inizio e tutto una fine, come il capolinea ferroviario.
Oggi è così, come spesso, come sempre, tu da una parte, il mondo dall'altra, in una sfida impari dove pensare di vincere è solo utopia.

Nessun commento: