mercoledì 12 aprile 2017

UN ABBRACCIO INFINITO

Come nella favole, io e te. In una concezione di Vita dove niente è impossibile.
Un ritornello che spesso è accompagnato dalla reciproca voglia di stare insieme, in un susseguirsi di situazioni dove due è meglio di uno, dove il pensiero è costante, uno per l'altro, come una rigida promessa fatta di sguardi e continui compiacimenti.
Ho passato tutto il giorno a ricordati, con questa grande mia ferita ma sono più forte e sfido la Vita.
Lo so io ma anche te, la Vita senza avvisare ci piove addosso, come la nostra strada, mai la stessa, ma sempre la più complessa.
Ed è con un pensiero forte che sfido la morte, con un sottofondo musicale molte speciale, pagando il prezzo della sorte, in una solitudine abissale.
Non lo senti come brucia il cuore, questa scossa arriva fino al mare, in un momento di profondo dolore, in un'ambiente che non ha sapore. Non è un nuovo amore, ma qualcosa che ci ha travolti senza poter scappare.
Le giornate che scorrono come se vivessi in una stanza tappezzata di poster, dove il tuo viso mi appare ovunque, con la consapevolezza che la tua anima è qui, accanto a me, che di notte ascolto un sottile dispiace, assaporando quella tristezza che è in fondo al cuore.
Mostrando tutte quante le mie pene, quel che darei per poterti rivedere, dove tutto il mio affetto si racchiude in un gesto che tanto meritavi: un abbraccio infinito.

Nessun commento: