venerdì 19 maggio 2017

UN TITOLO DAL VALORE DIVERSO

Ci sono vittorie che hanno un valore più grande di quanto in realtà possano rappresentare. Dopo una stagione dove gli obiettivi erano sicuramente altri, ma che gioco forza abbiamo dovuto cambiare in corso d'opera, vuoi per degli errori di valutazione che abbiamo commesso, vuoi per un po' di casualità negativa che chi fa calcio deve tenerne conto, e come se non bastasse la tragica scomparsa di Adriano Gazineo, a testimonianza di una stagione che nasce male e prosegue peggio, dopo anni di successi e trionfi, ecco che alzare il Titolo Provinciale diventa la Coppa più importante della mia carriera da allenatore.
Solo chi mi è stato vicino può capire quanti sentimenti ed emozioni si legano a questa vittoria che in qualche modo cuce una ferita che a suo tempo ha fatto parecchio male.
Ed è per questo che le vittorie non sono mai tutte uguali, i significati che rappresentano cambiano in virtù di tante situazioni che si evolvono in continuazione, dove quello che non cambia è solo la passione per questo Sport e la voglia di dare sempre il massimo.
Sono consapevole che avremmo vinto qualsiasi competizione lunga alla quale avessimo partecipato, perchè prima della casualità, prima della strategia, prima del sistema di gioco, è il metodo che paga, e quello si vede sempre alla distanza, come un buon cavallo da corsa che vince il Palio superando tutti all'ultimo giro.
Detto questo non posso che ringraziare i miei ragazzi per non aver mollato un centimetro, da campioni regionali in carica hanno dimostrato di valere questo riconoscimento anche in questa stagione, collezionando 21 vittorie consecutive e segnando 150 gol.
Ringrazio inoltre tutte le persone che mi sono state vicine nel momento più tragico di questi anni, vale a dire la morte del mio amico Adriano, da quel 31 marzo un motivo in più per vincere e dedicare a lui questi trofei.
Non è stato facile: motivare la squadra continuamente è stata una delle prove più grandi dal punto di vista calcistico, ma come nella vita, non è forte chi non cade mai, ma chi cadendo ha la forza di rialzarsi.
Adesso la Coppa Piemonte, un obiettivo dichiarato, con la consapevolezza di essere i favoriti o semplicemente i più forti, ma come ogni cosa bisognerà dimostrarlo sul campo.




Nessun commento: