domenica 31 dicembre 2017

BUON 2018 A TUTTI

Non è un giro di boa, e nemmeno una curva stile Formula 1. Oggi va in archivio un anno che va oltre la sfiga che può dare il 2017 in se.
Un po' per tutti, quest'anno ha rappresentato un periodo di transizione dove al peggio non c'è mai fine, in uno scenario dove tutti, di carambola o di rimbalzo, hanno fatto i conti con i problemi degli altri. Come in uno sistema cardiocircolatorio, dove arterie, vene e capillari, sono tutti collegati tra di loro.
L'ultimo giorno dell'anno è l'attesa del piacere, quest'oggi in modo particolare, sapendo che domani inizia una nuova vita, consapevole che l'anno che verrà sarà migliore di questo.
E' tempo di bilanci, ognuno con il proprio destino, anche se a volte i destini s'intrecciano e le sofferenze non sono mai tutte di uno o tutte dell'altro, sono di entrambi.
Di solito ogni evento è segnato da una data ben precisa: quella principale è quella della nostra nascita, per passare agli eventi che ti segnano la vita, un po' come l'11 settembre del 2001, una data che rimarrà per sempre nella storia.

Una raccolta di emozioni che corrispondono ad un momento ben preciso, una data che forse non dimenticheremo mai e che porteremo sul groppone chissà per ancora quanto tempo.
Un anno che non ha fatto eccezione, 2017 doveva essere e 2017 è stato, come a dare ragione ai superstiziosi che inesorabilmente non si sono sbagliati nemmeno stavolta, senza dimenticare che insieme al 2017 se ne sono andate persone a noi care, ma a questo destino non potevamo sottrarci.
In un insieme di metafore non so quale sia la più appropriata, in un continuo bluff dove ognuno prende in giro anche se stesso, pensare che domani sarà un giorno migliore può essere l'inizio di un cammino vincente, almeno fino alla prossima partita.
Auguri a tutti

Nessun commento: