FELICE

FELICE

sabato 11 luglio 2020

IL SABATO DEL VILLAGGIO

Ci sono giorni che non vorresti mai arrivassero, sabato e domenica tanto per intenderci. Questa frase ha la parvenza di uno scherzo o parte di un discorso insensato, invece il senso ce l'ha eccome.
In questi 2 giorni, ci sono situazioni o relazioni che tu non puoi controllare, ti sfuggono dall'ordinario ritmo della Vita, non hai possibilità di localizzazione, o se c'è l'hai sai che c'è qualche compagnia sbagliata.
Vorresti piovesse, vorresti che cinema, locali e negozi fossero chiusi, e con questo pensiero sei riuscito a creare il Covid -19, con i conseguente lockdown imposto dal governo, ma adesso?
Adesso ti appisoli sperando che il tempo che trascorri dormendo, passi così velocemente per tutti come lo è per te mentre spegni il cervello. Un'illusione, una magra consolazione, un piccolo paracadute che ti permette di cadere senza farti del male.
Nulla sarà come prima, specie per te che hai un cuore grande quanto una casa, nulla sarà come prima specie per te che sei "nei secoli fedele", un po' come il motto dell'Arma dei Carabinieri.
Non te ne fai una ragione, e come potresti se hai l'animo dipinto di blu, anzi, ti stupisci del contrario, ti stupisci della cinicità che hanno nei tuoi confronti. Ti stupisci che in breve tempo, di là, hanno cambiato bandiera, come se tu eri un pensiero astratto, come se tu eri una nuvola che in 2 ore si dileguava nel cielo.
No, non funziona così, aldilà di tutte le cose che possono capitare nella Vita, i pensieri che custodisci nella testa e nel cuore rimangono impressi per sempre.
Rimarremo per sempre dei principianti di fronte a una Vita che ci dà severe lezioni, continueremo a sbagliare in un percorso dove non conosciamo il domani, siamo semplicemente mediocri, ma non per questo dobbiamo pagare in eterno.

Nessun commento: