FELICE

FELICE

venerdì 27 novembre 2020

PEZZENTI

Empatia, come la volontà di trovarsi nei panni degli altri. E' questo il mio modo di scrivere, malinconico, sofferente, triste. Come i vostri stati d'animo. Leggere e sentirsi parte di un argomento che lo interessa da vicino, come un senso di appartenenza che ad oggi è difficile trovare.

No, non racconto me stesso, oppure lo faccio solo parlando di calcio. E' così cito un Presidente che mi ha rimosso dalle sue amcizie di facebook dopo che gli ho fatto vincere un titolo regionale e una Coppa Piemonte, oltre che fatto tesserare una marea di ragazzi poi prestati a suon di euro. Ingrato verme schifoso.

Il peggiore presidente che abbia mai avuto: viscido e spregiudicato, allontanato dal padre per non fare danni all'azienda, relegato al calcio perchè essere inutile. Se potessi ti riempirei di schiaffi, ma sono una persona perbene e non ti considero nemmeno. Ingrato verme schifoso.

E si, ne ho passate tante calcisticamene parlando. Nonostante le mie competenze ho trovato personaggi squallidi e mai persone degne d ricevere la mia amicizia. Sarà perchè sono capitato a Torino, città avara di valori etici e morali. Piemontesi falsi e cortesi dice il
proverbio.

Molti hanno cercato di fermare la mia scalata, ma non ce la faranno. Gli sono superiore, anche se umile e leale. Onesto e sincero, buono e gentile. Ma non dimentico il male che mi hanno fatto, e prima o poi spero nella legge del Karma. Pezzenti

Nessun commento: