FELICE

FELICE

martedì 8 dicembre 2020

TERMINATOR


 Pensare, scrivere, vivere.

E' questa la molla della Vita, superare gli ostacoli e andare sempre avanti, orgogliosi per tutto quello fatto finora. Poco si, ma con dignità e rispetto verso se stessi.

Umiltà, coraggio, stile, libertà di pensiero. Qualità che credo di avere, nonostante sia attorniato da plastica pura. Cosa vuol dire? Mi trovo a parlare con persone inaffidabili, che oggi dicono una cosa e domani fanno un'altra. Persone che non conoscono nessun codice d'onore.

Ed è così che ti fermi a riflettere se vale la pena dare ancora confidenza o andare avanti come ho sempre fatto, senza l'aiuto di nessuno. E' vero, vorrei un mondo più giusto, più pulito, più etico. Invece mi ritrovo a chiacchierare con persone che se giudicate sul piano morale meriterebbero l'ergastolo.

Persone perbene si nasce, non si diventa, probabilmente è la società di oggi che ha perso disciplina. Ci vorrebbero più regole non scritte, paradossalmente le organizzazioni criminali rispettano le regole piu' di quanto le rispettano i cittadini comuni, chissà perchè.

Mi rendo conto di vivere in un mondo dove ci sono 2 strade: o reciti la parte di Terminator e stermini tutto ciò che ai tuoi occhi è ingiusto, o ti metti la coda in mezzo alle gambe e quando vedi un pagliaccio vivente cambi strada senza dare nell'occhio. Delle due una. 

Con affetto Rosario Ligato

Nessun commento: